Informazioni utili per un Safari in Tanzania

Paesaggio Tanzania

Benvenuti in Tanzania

Cenni geografici

La Tanzania  è uno stato dell'Africa orientale, ha una superficie di 945.080 kmq e una popolazione di circa 36.300.000 abitanti e si affaccia ad est sull'Oceano Indiano. La sua moneta è lo scellino tanzaniano e le lingue ufficiali sono lo Swahili e l'Inglese. La popolazione è prevalentemente di religione cristiana e islamica. Il fuso orario adottato è quello dell' Africa orientale (GMT/UTC+3 h) quindi, +2h rispetto all'Italia  e +1h ora quando in Italia c'è l'ora legale.

Il clima

La Tanzania ha un clima tropicale mitigato dall'altitudine e in generale è piacevole tutto l'anno. Lungo la costa è più caldo ed umido in quanto influenzato dai monsoni, che determinano due periodi di precipitazioni piovose, da metà Marzo a Maggio, con piogge quasi tutti i giorni, e da Novembre a Gennaio, con piogge meno intense. Nell'entroterra, invece, il clima è decisamente più fresco a causa dell'elevata altitudine del cosiddetto Altopiano dei Laghi e le escursioni termiche tra il giorno e la notte sono più marcate.

Quando andare

Nell'organizzazione del vostro viaggio in Tanzania, vi suggeriamo di tener conto del periodo migliore secondo delle indicazioni di massima qui di seguito elencate:
In alta stagione , da giugno a settembre, il clima è più asciutto e fresco, gli hotels sono generalmente al completo e le tariffe decisamente alte. In questo periodo è più facile l'avvistamento degli animali, considerata la vegetazione povera di fogliame.
In media stagione, da ottobre a febbraio, il clima è caldo durante la giornata ma fresco al mattino presto e la sera, con brevi piogge da fine ottobre in poi. Gli hotels applicano le stesse tariffe dell'alta stagione nel periodo compreso tra metà dicembre e metà gennaio.
In bassa stagione, da marzo a maggio,  le piogge sono più frequenti, anche se raramente piove tutto il giorno. Il paesaggio è lussureggiante e molti hotels applicano in questo periodo tariffe veramente vantaggiose.

Passaporto, visto e documenti d'ingresso

Passaporto

E' necessario munirsi di passaporto con una validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza e almeno due pagine bianche. Il passaporto deve essere richiesto presso la questura ed è necessario per poter ottenere il visto d'ingresso.

Visto d'ingresso

Il visto d'ingresso può essere richiesto e ottenuto in tre modi:

  • In anticipo, presso l'Ambasciata della Tanzania nei paesi in cui sia presente tale rappresentanza diplomatica. Per il suo rilascio bisogna presentare il passaporto in originale con la validità residua di almeno 6 mesi a partire dalla data d'ingresso nel paese e con almeno due pagine bianche, una fototessera recente, un modulo di richiesta compilato in originale (da richiedere presso le rappresentanze consolari oppure scaricabile dai siti delle ambasciate), una copia del  biglietto aereo di ritorno o di continuazione del viaggio, copia dell'avvenuto pagamento (50$ da pagare con bonifico online) della tassa per il visto. Il visto così ottenuto dovrà essere utilizzato entro tre mesi dalla data di rilascio dello stesso e consente un solo ingresso nel paese e per un periodo massimo di 90 giorni.
  • All'arrivo in aeroporto, prima del ritiro dei bagagli, si dovrà compilare l'apposito modulo e procedere al pagamento della somma dovuta, pari a $ 50.
  • Online collegandosi al sito https://eservices.immigration.go.tz/visa

Vaccinazioni e precauzioni sanitarie

Attualmente, per visitare la Tanzania non è richiesta alcuna vaccinazione obbligatoria, tuttavia la vaccinazione per la febbre gialla  diventa obbligatoria qualora si provenga, o semplicemente si sia transitati, attraverso paesi endemici (es. Uganda , Kenya...). La vaccinazione non è  richiesta a coloro che abbiano effettuato solo uno scalo di poche ore in un aeroporto africano per cambio aereo (ad eccezione dei paesi endemici ove, come già detto, è necessaria anche per il solo transito).
Relativamente alla malaria, riportiamo qui di seguito un elenco di norme comportamentali da tenere per evitare l'insorgere dell'infezione, causata dalla puntura della zanzara anofele:
- essere adeguatamente coperti da pantaloni lunghi e maglie a manica lunga dai colori neutri e chiari;
- utilizzare repellenti su abiti e soprattutto sulle parti scoperte del corpo;
- spruzzare l'insetticida nella stanza;
- utilizzare sempre le zanzariere presenti nelle stanze per la protezione durante il sonno.
- Prima della partenza, valutare la profilassi antimalarica rivolgendovi ad un medico specializzato in medicina dei viaggi. Gli effetti collaterali di tale pratica richiedono un'attenta valutazione, così come l'eventuale dosaggio del medicinale, che  può variare da persona a persona. A tal proposito, ci si potrà rivolgere al centro viaggiatori internazionali della propria ASL. Sono inoltre consigliabili, ma non obbligatorie, le vaccinazioni contro l'epatite B e quella trivalente polio - tetano - difterite.

Qui di seguito riportiamo alcune informazioni di carattere generale, che in nessun modo potranno però sostituire il parere del medico:

  • Portare sempre i farmaci di cui si ha bisogno nella loro confezione originale in un quantitativo doppio di quello che abitualmente assumete per premunirvi in caso di perdita o furto;
  • Se si portano siringhe e aghi, tenere a portata di mano la prescrizione medica in modo da documentare la reale necessità d'uso;
  • Chi ha disturbi di cuore, è preferibile porti una copia dell'ultimo elettrocardiogramma effettuato prima della partenza;

E' consigliabile mettere in valigia una piccola farmacia da viaggio con:

  • Tachipirina, aspirina e antinfiammatori (es. Aulin) contro la febbre, il mal di denti e dolori in genere;
  • Antistaminici contro le allergie;
  • Prodotti per la prevenzione del mal d'aria, d'auto e di mare;
  • Antibiotici ad ampio spettro;
  • Farmaci antidiarroici;
  • Farmaci antivomito;
  • Farmaci antispasmo per coliche addominali;
  • Antiacido per i bruciori di stomaco;
  • Antibiotici intestinali;
  • Pomata antistaminica per alleviare prurito ed irritazioni dovuti a morsi e punture di insetti;
  • Termometro digitale;
  • Repellenti per insetti con alta concentrazione di KBR o DEET (bassa concentrazione, invece, per i bambini);
  • Creme Solari ad alto fattore di protezione;
  • Siringhe sterili.

Si consigliano inoltre frequenti lavaggi delle mani e di bere solo ed esclusivamente acqua imbottigliata, controllando preventivamente l'integrità delle bottiglie.
Tutte le nostre auto sono attrezzate con un kit di pronto soccorso e i lodges da noi selezionati presentano degli standard-igienico sanitari di tipo occidentale.

Polizze assicurative

I nostri tours sono coperti da polizza assicurativa che, in caso d'infortunio,  dopo il trattamento di primo soccorso somministrato in loco garantisce l'aviotrasporto immediato nel più vicino ospedale situato in Kenia (il presidio è di standard nettamente superiore rispetto agli ospedali tanzaniani) e il ritorno presso il lodge. Si precisa, però, che la polizza NON copre i costi di un'eventuale degenza.
Facoltativamente, si può decidere dunque di contrarre una polizza assicurativa aggiuntiva che copra l'eventuale ricovero in ospedale, il cui costo indicativo può variare notevolmente a seconda della copertura offerta e dei massimali previsti. Alcune compagnie offrono anche una polizza che copra, in caso di necessità, il rientro del turista nel suo paese di provenienza. A tal proposito, Primaland offrirà al turista adeguato supporto nella scelta della polizza aggiuntiva più adatta alle sue esigenze.

Abbigliamento ed equipaggiamento

E' preferibile utilizzare due borsoni, uno morbido di media grandezza e uno piccolo. Il primo costituirà il bagaglio vero e proprio, il secondo conterrà invece ciò che è comodo tenere a portata di mano: macchina fotografica, batterie supplementari, adattatori, caricatori, cappello, occhiali da sole, repellente per insetti, sciarpa, felpa giacca a vento,  documenti, salviette umidificate e fazzolettini. Se possibile, meglio evitare trolley e valigie rigide, perché poco maneggevoli e ingombranti, prediligendo invece il classico zaino da viaggio o borse similari. Il bagaglio, infatti, deve essere pratico e leggero, in modo da essere stivato in macchina velocemente.
E' bene evitare di infarcire i bagagli con abbigliamento d'ogni tipo, dovendo trascorrere la maggior parte del tempo in auto con tettuccio e finestrini aperti, tra parchi e strade polverose, esposti ad un forte vento e tantissima polvere.
L'escursione termica in Tanzania è notevole, con temperature basse all'alba e dopo il tramonto e notevole calura durante le ore centrali del giorno, sebbene mitigata dall'altitudine. Consigliamo dunque di vestirsi "a cipolla", in modo da poter velocemente adattare l'abbigliamento alla condizione climatica affrontata. Si consiglia inoltre di indossare indumenti dai colori chiari e neutri: verde oliva, beige, marrone chiaro, khaki, che riflettono la luce del sole e si confondono bene con l'ambiente circostante. I colori scuri sono da evitare in quanto potrebbero attirare l'attenzione di insetti sgradevoli. Si tenga inoltre presente che legalmente non è permesso indossare indumenti simili alle divise dei militari. L'abbigliamento, in definitiva, dovrà essere il più comodo e pratico possibile, nel dettaglio suggeriamo di portare:

  • felpa invernale o pile caldo per mattina e la sera;
  • giacca a vento e/o antipioggia;
  • pantaloni lunghi;
  • pantaloncini fino al ginocchio;
  • cintura;
  • magliette di ricambio leggere e a manica lunga;
  • magliette a manica corta;
  • calzini e abbigliamento intimo;
  • pigiama;
  • cappello;
  • sciarpa;
  • sandali o infradito;
  • scarpe comode;
  • occhiali da sole;
  • occhiali da vista di scorta (sono sconsigliate le lenti a contatto per via della polvere);

Articoli casalinghi e di igiene della persona:

  • shampoo e bagnoschiuma, talvolta non disponibili in alcuni lodges;
  • spazzolino e dentifricio;
  • pettine o/e spazzola;
  • crema idratante;
  • assorbenti femminili;
  • burro cacao;
  • forbicine da unghie;
  • lamette da barba e schiuma da barba;
  • phon e piastra per capelli.
  • gel o cera per capelli;
  • salviette umidificate o  gel antibatterico per le mani e l'igiene intima;
  • crema solare con fattore di protezione almeno pari a 30;
  • repellente potente per insetti con il composto chimico DEET (non indicato per i bambini, da non applicare su ferite, tagli, abrasioni e pelle irritata);
  • adattatori per spine elettriche tipo G (britannica a tre poli);
  • caricabatterie, batterie supplementari, cavi, schede micro sd, attrezzatura fotografica etc etc…;
  • torcia elettrica per gli spostamenti notturni a piedi tra le tende nei campi;
  • penna per appunti e per il disbrigo delle formalità per il visto in aeroporto;
  • block notes;
  • buste ermetiche per biancheria sporca, vestiti bagnati o impolverati;
  • marsupio.

PS.  La suddetta lista non ha la pretesa di suggerire cosa portare, ma di evitare che possiate aver bisogno degli articoli menzionati senza riuscire facilmente a reperirli nei lodges o nei negozi del luogo. Vogliamo ricordarvi che, benché la Tanzania sia un luogo molto ospitale, le differenze rispetto allo stile di vita occidentale possono talvolta essere notevoli.

Elettricità

La corrente elettrica in Tanzania ha un voltaggio di 220/240 Volt e una frequenza di 50 Hz. Le Prese elettriche sono a tre spine, tipo inglese: due piatte, orizzontali e una verticale. E' consigliabile munirsi di almeno due adattatori per poter utilizzare i propri dispositivi. Si tenga presente anche che in alcuni campi e lodges la corrente elettrica è fornita da generatori di corrente che restano spenti durante la notte. A tal proposito, è' opportuno munirsi di batterie supplementari per l'uso dei dispositivi elettrici ed elettronici durante la notte.

Telefonia

Il prefisso per l' Italia è +39 mentre dall'Italia è +255.
La copertura GSM è abbastanza diffusa, ci sono però delle zone d'ombra dove il segnale è completamente assente, soprattutto in alcune zone dei parchi e della sconfinata savana, nonché in alcune zone rurali. La Tanzania utilizza standard di telefonia mobile paragonabili a quelli italiani e del resto d'Europa, anche se i costi sono veramente elevati. Attualmente nessuna compagnia italiana offre tariffe vantaggiose per la Tanzania.
Prima della partenza, vi consigliamo di chiedere informazioni presso un centro assistenza del vostro gestore di telefonia oppure è ancora più semplice, all'arrivo, recarsi in città con la nostra guida e acquistare una scheda prepagata, solitamente dal costo di 20/30 dollari(dipende dai giga che si vogliono avere), con la quale avrete giga e minuti da utilizzare durante il vostro soggiorno.
Inoltre, i nostri fuoristrada 4x4 equipaggiati per i safari sono dotati di wifi completamente gratuito, così come i lodges presso i quali alloggerete, dunque il problema telefonia è veramente marginale.

Aeroporti

I più importanti aeroporti sono due: 

  • il Kilimanjaro International Airport, nel nord del paese, perfetto per i tours nei parchi nella parte settentrionale;
  • il Julius Nyerere International Airport a sud, nella capitale Dar es Salaam, ideale per i safari nei parchi del sud.

L'aeroporto di Arusha, sempre a nord, più piccolo, è generalmente utilizzato solo per coprire la distanza interna tra i due aeroporti più importanti.
Lo Zanzibar International Airport è l'aeroporto per i viaggi da e per l'arcipelago di Zanzibar.
Al momento non esistono dall'Italia voli diretti per raggiungere la Tanzania.

Mance

In Tanzania,  come del resto in molti paesi a forte vocazione turistica, dare la mancia non è legge scritta, ma risponde ad una consuetudine. Tralasciando ogni giudizio, la si può considerare come una vera e propria parte variabile dello stipendio degli operatori, che a tal proposito la intendono come un incentivo a far bene perché legata al loro operato.

A. Safari ed escursioni
E' buona norma, alla fine del safari, concedere la mancia alla guida nell'ordine del 10% della paga quotidiana (dunque circa 10$ di mancia) e, nel caso in cui partecipiate ad un'escursione di trekking, sia alle guide che ai portatori e al cuoco.

B. Ristoranti
Nei piccoli ristoranti locali non è consuetudine concedere la mancia. Nei centri principali e turistici, invece, si è soliti arrotondare l'ammontare del conto oppure elargire una mancia pari al 10-15% dell'importo.

Norme di comportamento

La Tanzania è un paese abbastanza sicuro, ma è sempre opportuno adottare le precauzioni dettate dal buon senso, oltre che suggerite nei siti istituzionali dei vari paesi, che vi invitiamo a consultare prima della partenza. Nel presente capitolo, non intendiamo esprimere giudizi morali ma, in virtù delle fisiologiche differenze culturali e delle diverse abitudini, solo consigliarvi dei comportamenti che possano aiutarvi a trascorrere un soggiorno senza rischi e pericoli. Ecco alcuni suggerimenti:

  • evitare le zone isolate, anche i tratti di spiaggia deserti;
  • è consigliato che le donne non indossino abiti succinti, ma che portino gonna o pantaloni lunghi con camicia o maglia a manica lunga. E' preferibile avere i capelli legati o raccolti in un cappello o foulard;
  • tenere sempre i documenti e il denaro in tasche interne o ben chiuse con cerniere;
  • in auto, quando siete fermi nel traffico nei centri abitati chiudete i finestrini del veicolo e non lasciate borse o altri oggetti di valore in bella vista;
  • evitate d'esportare conchiglie, coralli, avorio e gusci di tartaruga: è illegale!
  • I proprietari dei negozi di souvenir o d'artigianato locali, a fronte di una vostra richiesta, una volta comunicato il prezzo d'acquisto di un determinato oggetto si aspettano che voi diate vita a una vera e propria contrattazione, teatrino amichevole e spassoso, ma sempre nel rispetto reciproco. Tale pratica, invece, non è in auge nei mercati e in altri luoghi non turistici, ove il prezzo espresso corrisponde quasi sempre a quello praticato, con poco margine di contrattazione;
  • chiedete sempre il permesso prima di fotografare una persona del posto. Spesso può succedere che, a tal proposito, vi venga chiesto un piccolo compenso.
  • non fotografate zone ed edifici militari, uffici governativi o luoghi sensibili quali banche, poste, aeroporti, ecc...
  • il traffico e l'uso di qualsiasi tipo di sostanza stupefacente, incluse le droghe leggere, è severamente vietato e represso duramente dalle forze dell'ordine, che dispongono d'informatori ovunque. Le condanne per reati di droga sono pesanti ed i controlli negli alberghi molto frequenti.
  • l'omosessualità è considerata un reato punibile con condanne che prevedono fino a 30 di carcere. Sono in atto ricorrenti campagne antiomosessuali, per cui si consiglia di avere la massima prudenza e di tenere in pubblico un comportamento molto riservato.
Tour a Zanzibar in Tanzania | Safari in Tanzania | Viaggio in Tanzania | Viaggio a Zanzibar | Quando andare in Tanzania